Regione veneto Bando per l'erogazione di contributi finalizzati all'efficientamento energetico delle piccole e medie imprese.[57/2017]

La Regione Veneto promuove la riduzione dei consumi energetici ed emissioni di gas climalteranti, attraverso l’installazione di impianti ad alta efficienza, sistemi e componenti in grado di contenere i consumi energetici nei processi produttivi, nonché l’utilizzo di energia recuperata dai cicli produttivi, l’installazione di impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l’autoconsumo, la cogenerazione industriale, gli interventi di efficientamento energetico di immobili, audit energetici.

BENEFICIARI PMI con unità operativa in Veneto attive da più di 12 mesi. ATECO esclusi: A, D, K L. L’impresa deve aver completato una valutazione ante intervento del fabbisogno energetico annuo e individuazione delle opportunità di risparmio energetico attraverso diagnosi energetica. INTERVENTI AMMISSIBILI Sono ammissibili i progetti che comportino complessivamente un risparmio maggiore o uguale al 9% del fabbisogno annuo di energia ante intervento, espresso in kWh. Gli interventi ammissibili sono: - impianti produttivi ad alta efficienza, di sistemi e componenti in grado di contenere i consumi energetici nei processi produttivi, utilizzo di energia recuperata dai cicli produttivi; - interventi di tipo “soft” (es: sistemi per gestione e monitoraggio dei consumi): effettuati in abbinata a interventi di tipo “hard” (es. riconfigurazione/sostituzione di macchinari, nuovi filtri/motori). - interventi diretti all'efficientamento energetico negli edifici; - progetti di autoconsumo da fonti rinnovabili. - installazione di impianti di cogenerazione ad alto rendimento Tutti i progetti devono concludersi con una diagnosi di valutazione post intervento che deve evidenziare il raggiungimento dell’obiettivo di progetto. SPESE AMMISSIBILI a) installazione e adeguamento di impianti produttivi e macchinari a elevata efficienza energetica; b) installazione di hardware e software necessari al funzionamento degli impianti di cui sopra c) opere edili e impiantistiche connesse al progetto, spese di progettazione, direzione lavori e collaudo. d) spese tecniche per le diagnosi energetiche ante intervento e post intervento. e) spese per il rilascio delle certificazioni ambientali o energetica EMAS, ISO 50001, EN ISO 14001. f) spesa per le garanzie fornite da una banca o società di assicurazione o da altri istituti finanziari. Le spese devono essere sostenute tra il 1/01/2017 e il 15/07/2018. I beni devono essere nuovi di fabbrica, NON sono ammessi leasing. INTENSITÀ DELL’AIUTO Contributo a fondo perduto pari al 30% della spesa. La spesa minima ammissibile è pari a € 100.000. il contributo massimo concedibile è pari a 150.000 €. Le agevolazioni sono cumulabili con altri contributi e la dotazione finanziaria è pari a € 12.000.000. PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE Presentazione entro il 31/07/2017, con graduatoria in base a criteri di economicità/risparmio energetico. 

 

Leggi tutta la news